Come costruire un arco

Come costruire un arco

Per costruire un arco è essenziale avere due cose: un buon pezzo di legno e un po’ di manualità.

La scelta del legno per costruire un arco

Devi scegliere il legno che servirà da base per l’arco con molta attenzione perché deve avere alcune caratteristiche fondamentali.

Per prima cosa deve essere abbastanza lungo e non deve presentare imperfezioni come nodi o sporgenze. Devi calcolare la lunghezza in base all’altezza della persona che utilizzerà l’arco, mediamente la lunghezza è di circa un metro e mezzo.

In secondo luogo non devi scegliere un legno troppo secco perché rischierà di rompersi sia durante la lavorazione che durante l’utilizzo, deve però essere asciutto e non bagnato.

soprattutto non deve essere un ramo appena tagliato dall’albero ma deve essere lasciato seccare per almeno 6 mesi.
Anche la scelta della tipologia di legno è molto importante perché dovrà essere di una qualità abbastanza flessibile (si possono usare legni di ginepro oppure il bambù).

Le sezioni dell’arco

Dopo aver scelto il legno da utilizzare dovrai osservarlo e suddividerlo idealmente in tre parti distinte: l’impugnatura, il dorso e il ventre.

Per capire la naturale curvatura del legno è necessario appoggiare un’estremità per terra e tenere l’altra estremità con una mano. In questa posizione, esercitando una leggera pressione, vedrai come si curva il legno e sarà questa la curvatura che dovrai mantenere.

La parte curva, infatti, sarà il nostro dorso mentre l’incavo sarà il ventre. Il dorso è la parte fondamentale dell’arco è, proprio per questo, deve essere robusta. Una volta individuata la struttura del nostro arco potrai iniziare a modellarlo.

Come modellare e terminare l’arco

Ora dovrai eliminare dal legno tutte quelle parti che non si flettono, per fare questo puoi utilizzare un coltellino dalla lama ben affilata. Per fare questa operazione è importante indossare dei guanti antitaglio per evitare spiacevoli incidenti di percorso.

Bisognerà continuare a rimuovere parti di legno fino alla flessibilità desiderata, ma ricordati che l’impugnatura dovrà essere più spessa delle altre parti.

E’ l’ora di scegliere la corda per l’arco. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, la corda non deve essere troppo elastica. Spago o corda in nylon, ad esempio, sono perfetti.

La corda deve essere fissata ad entrambe le estremità dell’arco, legandola con un anello non troppo stretto ma chiuso con un nodo stretto.

A questo inserisci la corda, che dovrà essere leggermente più corta rispetto all’arco, nei flettenti.
Il tuo arco ora è pronto per essere testato ed, eventualmente, modificato per renderlo perfetto.